Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
rappresentanza_onu

Assemblea Generale

 

Assemblea Generale

renzi unga nuova

 

71ma Assemblea Generale - Dibattito Generale
(20 settembre – 30 settembre)

 

Il Presidente del Consiglio interviene al Dibattito Generale della 71ma Sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (Video)

 

INFORMAZIONI GENERALI

 

Il Dibattito Generale che segna l’avvio della 71ma Assemblea Generale delle Nazioni Unite comincia martedì 20 Settembre alle 9.00 del mattino; prosegue per le successive due settimane e si conclude venerdì 30 Settembre. Lunedì 19 Settembre si terrà invece il Vertice sui Rifugiati e Migranti.

Per l’Italia saranno presenti il Presidente del Consiglio Renzi, capo delegazione, il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale Gentiloni, il Ministro dell’Interno Alfano, il Sottosegretario agli Esteri Amendola.

Come di consueto, seguirà i lavori, in qualità di osservatore, una delegazione parlamentare guidata dal Presidente della Commissione Affari Esteri del Senato, Senatore Casini (UdC), e dal Presidente della Commissione Affari Esteri della Camera, Onorevole Cicchitto (NCD). Alla delegazione parteciperanno anche il Vice Presidente della Camera Lanzillotta (PD), il Senatore Caleo (PD), l’Onorevole Manciulli (PD) e l’Onorevole Pini (PD).

L’intervento del Presidente del Consiglio al Dibattito Generale è previsto per martedì 20 Settembre in serata. Il Presidente Renzi interverrà anche nella plenaria del Vertice sui rifugiati e migranti, nella tarda mattinata di Lunedì 19 Settembre.

Come ogni anno, il Dibattito in Assemblea Generale sarà affiancato da una serie di altri eventi e riunioni (dentro e fuori dal Palazzo di Vetro) collegati ai temi politici, economici e sociali di maggiore attualità, oltre ad un fitto calendario di incontri bilaterali, per tutti i membri della Delegazione di Governo e parlamentare, a partire dal Presidente Renzi e dal Ministro Gentiloni.

Come ogni anno, alcuni temi prevalenti saranno al centro dei lavori dell’Assemblea Generale: in particolare, l’Italia considera una grande e positiva novità il fatto che l’apertura della 71ma AG sia consacrata agli argomenti migratori.
Molti saranno gli incontri sul tema: l’inaugurazione del dibattito generale è infatti preceduta il 19 settembre da un “Vertice sui rifugiati e migranti”, con delle tavole rotonde tematiche.
Il 20 Settembre avrà luogo un Summit organizzato dal Presidente degli Stati Uniti Obama concentrato sui rifugiati, mentre il 21 Settembre si terrà un evento a livello ministeriale organizzato dall’Italia sulla dimensione regionale del fenomeno rifugiati e migranti, nel corridoio Europa-Mediterraneo-Medio Oriente e Africa.

Mercoledì 21 Settembre, il Ministro Gentiloni presiederà un evento ministeriale sulla situazione in Somalia, insieme ai colleghi di Regno Unito, Etiopia e Somalia. L’evento, al quale prenderanno parte anche l’ONU tramite il Vice Segretario Generale Eliasson, l’Unione Africana, l’UE e altri 24 Stati, raggrupperà i principali partner del Paese (donatori e contributori di truppe alla missione AMISOM).

Nel corso di un evento Giovedì 22 Settembre, i Ministri degli Esteri di Giordania e Italia e i direttori di UNESCO (Bokova), UNODC (Fedotov) e INTERPOL (Stock), presenteranno i risultati del progetto per la protezione dei Beni culturali e il contrasto ai Gruppi criminali e terroristici, cominciato in occasione dell’apertura dell’Assemblea Generale dello scorso anno e che si è sviluppato con tre incontri tecnici che hanno affrontato i profili legati alle aree di origine, alle forme di traffico e ai mercati legali e illegali. Sarà diffuso un libretto che riassume i lavori, include riferimenti ai documenti principali e propone una serie di possibili azioni positive.

L'On. Ministro sarà presente alla cerimonia di deposito degli strumenti di ratifica dell'Accordo di Parigi organizzata dal Segretariato ONU, la mattina di Mercoledì 21 Settembre, che fa seguito a quella di firma dell'Accordo tenuta ad Aprile durante la quale il Presidente del Consiglio Renzi aveva firmato l'Accordo.

Mercoledi’ 21 Settembre si svolgerà il Vertice sulla resistenza anti-microbica. Si tratta di un incontro su una tematica di emergenza sanitaria in forte crescita, sul quale da tempo l’OMS ha lanciato l’allarme. In seno al vertice sarà adottata una dichiarazione politica appena negoziata qui a New York, che impegna gli Stati a uno sforzo internazionale su tale tema e a istituire un meccanismo di controllo e di verifica in materia. L’Italia sarà rappresentata da Raniero Guerra, Direttore Generale del Ministero della Salute.

Per quanto riguarda il Medio Oriente, l’attenzione sarà principalmente concentrata sulla Libia, sulla Siria, sull’Iraq e sulla questione israelo-palestinese.

Mercoledi 21 Settembre avrà luogo un evento sulla pena di morte che l'Italia organizza insieme all'Ufficio dell'alto commissario per i diritti umani, l'Argentina e la Francia. L'incontro, aperto dal Segretario Generale Ban Ki-moon, si concentrerà sulle vittime della pena capitale, con l'intervento di oratori di alto livello del mondo accademico e della società civile, tra cui una vittima di errore giudiziario e comprenderà inoltre il lancio di una pubblicazione compilativa sull'argomento di OHCHR.

Oltre a questo, l’Italia presenterà anche Giovedì 22 un side event sul ruolo delle donne nei negoziati di pace, nella sicurezza e nella mediazione internazionali. Questo evento “A new Agenda for Women, Peace, Security and Mediation” offrirà l’occasione per confermare l’impegno italiano in due settori fondamentali dell’architettura di pace e sicurezza onusiana, anche in vista del nostro ingresso in Consiglio di Sicurezza il 1 Gennaio 2017. Si tratta dell’Agenda Women, Peace and Security, istituita dalla risoluzione 1325 del 2000 del Consiglio di Sicurezza, e della Mediazione, strumento di diplomazia preventiva che, in ambito ONU, l’Italia sostiene anche con contributi volontari annuali al Dipartimento Affari Politici del Segretariato. L’evento è organizzato insieme all’Olanda, la Namibia, gli Emirati Arabi Uniti, la Spagna e UN Women e vedrà l’intervento del Ministro Gentiloni e dei suoi colleghi dei Paesi co-organizzatori.


903